Perché

Al fondo c’è un dato di evidenza: l’inevitabile declino della carta stampata, legata non tanto ai costi, divenuti con il tempo quasi irrisori rispetto al passato, ma alla sua marginalità, che la rende invisibile e, quindi, inaccessibile.

Farsi leggere, per un legittimo diritto all’esistere e all’essere considerato, al netto dell’inevitabile narcisismo, ci costringe oggi ad utilizzare altre strade, più facili, più semplici, più immediate.

Ma soprattutto la lettura e lo studio di documenti stampati obbliga alla loro riconversione dalla dimensione cartacea a quella informatica. Gli archivi, caratterizzati da sempre da fogli, foglietti, fotografie, pagine di giornali e di riviste, raccolti in tante cartelle e a loro volta in innumerevoli faldoni, quasi per magia, appaiono nella loro integrità, anche se virtuale, sullo schermo di un computer, senza che sulle dita rimangano le tracce  di una polvere sottile, impalpabile.

Ed è possibile evidenziarli, allegarli, contestualizzarli, comporli graficamente, salvarli dal degrado fisico, diffonderli andando oltre la dimensione diretta e immediata. Basta non perdersi in una illusione di onnipotenza ed eternità.

 

Pubblicazioni Recenti

  • Nessuna immagine
    Elucubrazioni politiche
    Adesso che il governo Draghi è insediato ed è nota la lista dei ministri, la vittoria di Matteo Renzi appare in tutta la sua evidenza. Il senatore di Rignano può vantare di avere raggiunto tutti i suoi obiettivi: la fuoriuscita di Giuseppe Conte, la cui carriera politica appare nebulosa e incerta; la spaccatura dei 5Stelle, con conseguente incrinatura dell’alleanza giallorossa, minacciata anche dai malumori in casa PD e LeU; il ritorno sulla scena politica di [...]
  • Nessuna immagine
    Elucubrazioni politiche
    Il governo Conte bis si reggeva sullo stato di necessità: necessità di contenere i danni prodotti dalla crisi finanziaria del 2008, necessità di gestire la crisi sanitaria, economica e sociale prodotta dal Covid19, necessità di impedire il ritorno al potere del paese di una destra sovranista e postfascista. Con il nuovo governo (forse Draghi) perdura lo stato di necessità: necessità di utilizzare al meglio i finanziamenti europei del Recovery Fund, necessità di garantire il piano [...]
  • Nessuna immagine
    Elucubrazioni politiche
    Weimar non è solamente il nome di una città tedesca, dove si riunì l’Assemblea Nazionale che redasse una nuova costituzione dopo la prima guerra mondiale e che denominò (non ufficialmente) il Reich tedesco nel periodo tra il novembre 1918 e il 1933, quanto la metafora della fragilità della democrazia liberale.Legittimare una democrazia liberale in un periodo di grande instabilità politica e di forti conflitti interni prodotti da una gravissima crisi economica, si rivelò infatti fallimentare [...]